Browse images and videos on Instagram. Find out Most Popular Hashtags and Users. Picgra
  1. Homepage
  2. @ig_italia
ITALIA 🇮🇹 (@ig_italia) Instagram Profile Photo ig_italia
Fullname

ITALIA 🇮🇹

Bio COMMUNITY INSPIRING TO TRAVEL ⠀ Usa i Tag ⠀ Facebook: igworldclubitalia 👇Leggi tutte le nostre storie

Profile Url

Share
Suggested users for Instagram Profile "ITALIA 🇮🇹 (@ig_italia)"
🇮🇹 Italia 🇮🇹 (@italian_places) Instagram Profile Photo italian_places

🇮🇹 Italia 🇮🇹

IG EUROPA (@_igeuropa) Instagram Profile Photo _igeuropa

IG EUROPA

Italiainunoscatto (@italiainunoscatto) Instagram Profile Photo italiainunoscatto

Italiainunoscatto

🇮🇹 Italian Flavors & Places 🇮🇹 (@italianlandscapes) Instagram Profile Photo italianlandscapes

🇮🇹 Italian Flavors & Places 🇮🇹

BEAUTIFUL DESTINATIONS (@beautifuldestinations) Instagram Profile Photo beautifuldestinations

BEAUTIFUL DESTINATIONS

ITALIA 🇮🇹 (@ig_italia) Instagram photos and videos

List of Instagram medias taken by ITALIA 🇮🇹 (@ig_italia)

Advertisement

 Instagram Image by ITALIA 🇮🇹 (@ig_italia) with caption : "📷 @nicoleo__
📍 #Portovenere

Come non rimanere incantati dagli scenari suggestivi che offre Porto Venere, dal 1997 inser" at Portovenere - 1895952170287491595
Portovenere Report Share Download 31 4.88K

📷 @nicoleo__ 📍 Come non rimanere incantati dagli scenari suggestivi che offre Porto Venere, dal 1997 inserito tra i Patrimoni dell’Umanità dell’Unesco insieme alle isole Palmaria, Tino, Tinetto ed alle Cinque Terre. Il borgo ligure offre infatti scorci di straordinaria bellezza e sono ormai secoli che visitatori di tutto il mondo rimangono affascinati dalle atmosfere dei tramonti sul mare, dalle stradine acciottolate, dalle caratteristiche case colorate divise dagli stretti carrugi, dai bei monumenti, dalla spiaggia lambita da un mare blu e profondo. Non a caso prende il nome dalla Dea della Bellezza e non ha caso un illustre poeta come George Byron l’ha particolarmente amata, tanto che una piccola grotta porta il suo nome. Insomma, l’antichissimo scalo marittimo legato fin dal XII secolo alle sorti di Genova, che si protende sul mare protetto dalle spettacolari  falesie del Monte Muzzerone, dall’imponente Castello Doria con le fortificazioni ad esso collegate, e dalla caratteristica “Palazzata”, una fila ininterrotta di case torri colorate sviluppate verticalmente e serrate una di fianco all’altra, è una destinazione adatta anche alle coppie che vogliano suggellare il proprio amore con un soggiorno all’insegna del romanticismo. Nel cuore del borgo si trova l’antica Chiesa di San Lorenzo, scrigno di tesori e tradizioni, mentre proprio sulla estrema punta del promontorio roccioso che conclude il borgo è edificata la chiesetta di San Pietro, con il suo inconfondibile profilo: nota per la sua antica architettura, è famosa per le sue particolari valenze panoramiche e paesaggistiche, posta com’è a strapiombo sul mare. 👍 Segui tutte le storie nella nostra pagina Facebook 📝

Advertisement

 Instagram Image by ITALIA 🇮🇹 (@ig_italia) with caption : "📷 @giancarlopannese
📍#Roma

Castel Sant'Angelo fu iniziato a costruire dall'imperatore Adriano nel 125 quale suo mausole" at Rome, Italy - 1895919299510147314
Rome, Italy Report Share Download 26 6.74K

📷 @giancarlopannese 📍 Castel Sant'Angelo fu iniziato a costruire dall'imperatore Adriano nel 125 quale suo mausoleo funebre, ispirandosi all'ormai completo mausoleo di Augusto, fu ultimato da Antonino Pio nel 139. Venne costruito di fronte al Campo Marzio, al quale fu unito da un ponte appositamente costruito, il Ponte Elio. Il mausoleo era composto da una base cubica, rivestita in marmo lunense, avente un fregiodecorativo a teste di buoi (Bucrani) e lesene angolari. Nel fregio prospiciente il fiume si leggevano i nomi degli imperatori sepolti all'interno. Sempre su questo lato si presentava l'arco d'ingresso intitolato ad Adriano; il dromos(passaggio d'accesso) era interamente rivestito di marmo giallo antico. ⠀ Approfondisci la conoscenza del territorio ammirando altre splendide foto come questa, seguendo le community di @ig_rome & @ig_lazio_ Per entrare a far parte della nostra gallery utilizzate il nostro hashtag ufficiale e taggate le vostre foto. ⠀ 👍 Segui tutte le storie nella nostra pagina Facebook 📝

Advertisement

 Instagram Image by ITALIA 🇮🇹 (@ig_italia) with caption : "📷 @dany.effe
📍 #RoccaCalascio
⠀
In Abruzzo c’è una rocca famosa per essere la più alta d’Italia. Si tratta di Rocca Cala" at Calascio - 1895880111893245223
Calascio Report Share Download 40 6.7K

📷 @dany.effe 📍 ⠀ In Abruzzo c’è una rocca famosa per essere la più alta d’Italia. Si tratta di Rocca Calascio e si trova nel territorio del comune di Calascio, in provincia dell’Aquila, all’interno del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga. La rocca sorge ad un’altitudine di 1.460 metri sul livello del mare e da lì si può ammirare una delle vedute più spettacolari dell’Appennino, con alle spalle la catena del Gran Sasso d’Italia e l’altopiano di Campo Imperatore e davanti la Maiella e la catena del Sirente-Velino, riuscendo a scorgere in lontananza anche la Conca Peligna. Rocca Calascio è tra i siti più elevati della rete di castelli, fortificazioni e torri che, durante il medioevo, garantivano la protezione del territorio e facilitavano le comunicazioni in tutto il Centro Italia. Il castello, che domina la Valle del Tirino e l’Altopiano di Navelli, e si trova a poca distanza dalla piana di Campo Imperatore, era utilizzato nell’antichità come punto d’osservazione militare, per la sua posizione molto elevata. La fondazione della rocca risalirebbe addirittura all’anno Mille, anche se il primo documento storico che ne attesta la presenza è datato 1380. Nel 1500, insieme al borgo di Santo Stefano di Sessanio, Rocca Calascio diventò possedimento della famiglia dei Medici, fino al terremoto del 1703. Fortunatamente, i restauri conservativi, eseguiti tra il 1986 ed il 1989, hanno consentito il recupero architettonico e funzionale della struttura, diventata una delle principali attrazioni turistiche in Italia. ⠀ 👍 Segui tutte le storie nella nostra pagina Facebook 📝

 Instagram Image by ITALIA 🇮🇹 (@ig_italia) with caption : "📷 @leoct79
📍#Tropea
⠀
La sua morfologia è particolare; si divide infatti in due parti: la parte superiore, dove si trova" at Tropea, Italy - 1895840422855202541
Tropea, Italy Report Share Download 51 10.23K

📷 @leoct79 📍 ⠀ La sua morfologia è particolare; si divide infatti in due parti: la parte superiore, dove si trova la maggior parte della popolazione e dove si svolge la vita quotidiana del paese, e una parte inferiore (chiamata "Marina"), che si trova a ridosso del mare e del porto di Tropea. Tra le altre zone periferiche, vi sono la località "Carmine" e la località "Campo" (divisa a sua volta in "Campo di sopra", che è prevalentemente occupato da orti e campagne con qualche zona residenziale, e "Campo di Sotto", dove hanno sede la locale caserma del Comando dei Carabinieri, l'Ospedale Civile e l'indirizzo Alberghiero e per la Ristorazione dell'IS Tropea). La città, nella parte superiore, si presenta costruita su una roccia a picco sul mare, ad un'altezza s.l.m. che varia tra circa 50 metri nel punto più basso e 61 metri nel punto più alto. L'abitato storico era un tempo cinto di mura e incastellato su di un lato; vi si poteva accedere solo attraverso delle porte provviste di sistemi di difesa. ⠀ Approfondisci la conoscenza del territorio ammirando altre splendide foto come questa, seguendo la community @ig_calabria Per entrare a far parte della nostra gallery utilizzate il nostro hashtag ufficiale e taggate le vostre foto. ⠀ 👍 Segui tutte le storie nella nostra pagina Facebook 📝

 Instagram Image by ITALIA 🇮🇹 (@ig_italia) with caption : "📷 @geidiemme
📍#Venezia
La forma attuale di Piazza San Marco è l'esito di successive modifiche ed espansioni che hanno in" at Venice, Italy - 1895772714423906992
Venice, Italy Report Share Download 63 12.42K

📷 @geidiemme 📍 La forma attuale di Piazza San Marco è l'esito di successive modifiche ed espansioni che hanno interessato l'area. In origine, la zona era destinata ad orto e attraversata dal rio Batario e dagli attuali rii della Zecca e del Cavalletto. Il palazzo ducale, vero castello munito di torri e difese, era completamente cinto da un canale e fronteggiato, nella zona dell'attuale piazzetta, da un bacino per il carico e lo scarico delle merci. Nell'826, con l'arrivo a Venezia del corpo di san Marco e l'edificazione della prima basilica di San Marco, l'area iniziò ad assumere la sua caratteristica di cuore monumentale della città. Nel 976 l'intera zona, con la basilica e il palazzo, fu distrutta da un furioso incendio, ma già nel 978 una seconda basilica era stata edificata e il palazzo ricostruito. Nello stesso periodo il Doge Pietro I Orseolo fece costruire, in adiacenza del campanile, un ospizio per pellegrini malati e bisognosi, la cui forma è visibile nel quadro di Gentile Bellini, Processione in piazza San Marco. ⠀ Approfondisci la conoscenza del territorio ammirando altre splendide foto come questa, seguendo le community di @igvenezia & @igveneto_ Per entrare a far parte della nostra gallery utilizzate il nostro hashtag ufficiale e taggate le vostre foto. ⠀ 📝

 Instagram Image by ITALIA 🇮🇹 (@ig_italia) with caption : "📷 @pasqualeb96
📍#Firenze
⠀
Ponte Vecchio è uno dei simboli di Firenze, luogo obbligatorio per le foto ricordo dei turist" at Florence, Italy - 1895701620333577022
Florence, Italy Report Share Download 51 13.41K

📷 @pasqualeb96 📍 ⠀ Ponte Vecchio è uno dei simboli di Firenze, luogo obbligatorio per le foto ricordo dei turisti che visitano questa splendida città. Fu il primo e il più antico ponte di Firenze che attraversa il fiume Arno nel suo punto più stretto. Ponte Vecchio è sopravvissuto ad eventi disastrosi di ogni tipo: la prima costruzione, in legno, risale all’epoca romana, ma fu più volte danneggiata da incendi e alluvioni, come quella tragica del 1933. Poi, nel 1345 il ponte fu ricostruito da Taddeo Gaddi discepolo di Giotto, su tre archi, più profondi e resistenti alla furia dell’acqua. Si racconta che durante la seconda guerra mondiale, la sua bellezza abbia colpito anche Hitler e proprio per questo, fu l’unico ponte di Firenze a non essere bombardato dai tedeschi nel 1944. Prima di raggiungere lo splendore e la fama per cui oggi è conosciuto, Ponte Vecchio, è stato il ponte dei macellai e dei verdurai. L’autorità cittadina, infatti, impose ai beccai (macellai) di riunirsi nelle botteghe sul ponte per salvaguardare la pulizia delle abitazioni del centro ed eliminare, in questo modo, gli odori e gli scarti delle carni che dalle strade venivano trasportate fino all’Arno. Quando venne costruito il Corridoio Vasariano (1565) sopra il ponte, le botteghe vennero considerate inopportune e si decise (1593) lo sfratto dei macellai per concederle agli artigiani e agli orafi, che ancora oggi, continuano il tradizionale e rinomato lavoro di gioielli, noto in tutto il mondo. Infatti, proprio in onore dell’oreficeria, fu posto nella terrazza in mezzo al ponte una fontanella con il busto del grande maestro Benvenuto Cellini, il più grande orafo fiorentino, opera dello scultore Raffaello Romanelli. ⠀ 👍 Segui tutte le storie nella nostra pagina Facebook 📝

 Instagram Image by ITALIA 🇮🇹 (@ig_italia) with caption : "📷 @kohki
📍#Venezia
⠀
Buongiorno ragazzi, a Venezia non ci sono vie o strade e nemmeno piazze o vicoli. A Venezia ci sono" at Venice, Italy - 1895546808078033736
Venice, Italy Report Share Download 79 18K

📷 @kohki 📍
⠀
Buongiorno ragazzi, a Venezia non ci sono vie o strade e nemmeno piazze o vicoli. A Venezia ci sono Calli, Campi e Campielli. L’unica cosa che non si discosta dalla tradizione della lingua italiana sono i Ponti. Anche a Venezia i Ponti si chiamano Ponti. Ma siccome Venezia ama distinguersi, di Ponti ne ha più di 340. Ma l’urbanistica di Venezia riserva anche altre sorprese. Ad esempio ci sono le Fondamenta, le strade (ma non chiamatele mai così) che costeggiano i canali. Poi ci sono le Piscine, che al contrario di quanto si possa pensare non sono vasche per la pratica del nuoto, ma strade ricavate da interventi di interramento. Anche il Rio è diverso dal Canale. Il primo indica i corsi d’acqua (molti dei quali navigabili) del centro storico di Venezia che separano le insulae dove sorgono le abitazioni, i Canali invece sono le vere e proprie vie carrozzabili dai natanti che sono il principale mezzo di trasporto di Venezia. E come non ricordare il Sotopòrtego, i passaggi tra le Calli ricavati eliminando porzioni di case: attraverso i Sotopòrtego si accede alla Corte (piazzetta chiusa da edifici), o si uniscono Campi alle Fondamenta, o si accede direttamente ad una Riva. Ecco appunto ci mancava la Riva: sono così chiamati gli approdi lungo le sponde dei Canali o dei Rii. Per i turisti che visitano Venezia ogni corso d’acqua è un Canale. Ma questo non è corretto. Infatti di Canali a Venezia ce ne sono meno di una decina: tutti gli altri sono Rii. I Canali veri e propri sono infatti solo il Canal Grande, il Canale di Cannaregio, il Canale della Giudecca e poi alcuni corsi d’acqua esterni alla città il cui tracciato è limitato da pali, le brìcole, o quelli che nel tempo sono stati inglobati nel corso di interventi di interramento. I Canali quindi sono corsi d’acqua tutti navigabili, al contrario dei Rii che non sempre lo sono. ⠀ 👍 Segui tutte le storie nella nostra pagina Facebook 📝

 Instagram Image by ITALIA 🇮🇹 (@ig_italia) with caption : "📷 @_arc_anna
📍#Roma

Con la sua immensa mole il Colosseo è il più grande anfiteatro del mondo e il più voluminoso edific" at Rome, Italy - 1895259222176438893
Rome, Italy Report Share Download 114 25.07K

📷 @_arc_anna 📍 Con la sua immensa mole il Colosseo è il più grande anfiteatro del mondo e il più voluminoso edificio di Roma antica giunto fino a noi: un luogo affascinante la cui sola vista ci riporta alla mente immagini e atmosfere di un passato leggendario. Fu fatto costruire dall'imperatore Vespasiano come dono per il suo popolo nei pressi dei Foro e per cinque secoli fece da sfondo a lotte tra animali, supplizi capitali e combattimenti fra gladiatori, per cui i Romani nutrivano un'autentica passione. Oggi fa parte del Patrimonio dell'Umanità Unesco e dal 2007 è una delle Sette Meraviglie del Mondo Moderno, oltre che il monumento più visitato in Italia con più di sei milioni di ingressi all'anno. Lungo 189 metri e largo 156, il Colosseo ha un perimetro di 527 metri e una capienza di circa 50 mila spettatori. Per portarlo a termine furono necessari solo cinque anni: dal 75 all'80 d.C. Ma il bello doveva ancora arrivare: dopo un'opera così, l'imperatore Tito decretò che i festeggiamenti per l'inaugurazione sarebbero durati ben 100 giorni. Originariamente il Colosseo si presentava ornato da statue, fregi e marmi. Dopo la caduta dell'Impero fu però abbandonato e utilizzato come riserva di materiali da costruzione. Edifici come la Basilica di San Pietro e Palazzo Barberini devono la propria esistenza proprio all'anfiteatro, che nel tempo perse quasi 2/3 degli elementi originari. Nel XIII secolo all'interno dell'Anfiteatro Flavio fu costruito un palazzo, la residenza della famiglia romana dei Frangipane. In seguito il monumento continuò a essere abitato, fino alla sua riscoperta come bene artistico nel XIX secolo. Durante il periodo fascista, invece, si fece strada un progetto alquanto bizzarro: trasformare l'Anfiteatro Flavio in un albergo di lusso. Ma i tempi erano definitivamente cambiati. 👍 Segui tutte le storie nella nostra pagina Facebook 📝

 Instagram Image by ITALIA 🇮🇹 (@ig_italia) with caption : "📷 @walter_7.3
📍 #SestriLevante
⠀
È stata nominata “Amica dei bambini” dall’Unicef, ma Sestri Levante potrebbe essere con" at Sestri Levante - 1895220094277885456
Sestri Levante Report Share Download 142 22.89K

📷 @walter_7.3 📍 ⠀ È stata nominata “Amica dei bambini” dall’Unicef, ma Sestri Levante potrebbe essere considerata anche una cittadina a misura di adulti. Dal Festival Andersen, noto anche per il prestigioso premio, al Riviera International Film Festival, che porta ogni anno attori, registi e anche un pizzico di Hollywood nel Tigullio in Liguria, sono tante le iniziative che caratterizzano la cittadina. Ma Sestri Levante non è solo eventi, sono tante le cose da fare e da vedere. A partire dalle passeggiate come quella che dal centro, porta in cima a Punta Manara facendo spaziare la vista sul Golfo del Tigullio e verso Riva Trigoso. Un’altra suggestiva passeggiata è quella che raggiunge le Rocche di Sant’Anna percorribile sia a piedi che in mountain bike. Percorsi più brevi, e cittadini, sono quelli in salita per raggiungere la chiesa di San Nicolò da cui si gode una splendida vista sulla baia del Silenzio e quello della salita che porta alla chiesa dei Frati Capuccini, affacciato sempre sulla stessa baia. ⠀ 👍 Segui tutte le storie nella nostra pagina Facebook 📝

 Instagram Image by ITALIA 🇮🇹 (@ig_italia) with caption : "📷 @quelmarietto
📍 #burano

Una delle più famose leggende di Burano narra che un antico pescatore promesso sposo, durante" at Burano, Veneto, Italy - 1895189062879252307
Burano, Veneto, Italy Report Share Download 76 17.53K

📷 @quelmarietto 📍 Una delle più famose leggende di Burano narra che un antico pescatore promesso sposo, durante un'uscita in mare verso l'oriente, venne tentato dal canto delle sirene. L'uomo resistendo ai loro incanti, ricevette un dono dalla regina, rimasta affascinata dalla fedeltà di costui. La sirena colpì con la coda il fianco della nave e dalla schiuma, creatasi dal movimento dell'acqua, formò il velo nuziale per la giovane sposa. Arrivato il giorno delle nozze, consegnò il dono alla sua fidanzata, la quale fu ammirata ed invidiata da tutte le giovani dell'isola e costoro cominciarono ad imitare il merletto del suo velo utilizzando ago e filo sempre più sottile, sperando così di creare un ricamo ancora più bello per il loro abito da sposa. ⠀ Approfondisci la conoscenza del territorio ammirando altre splendide foto come questa, seguendo le community di @igvenezia & @igveneto_ Per entrare a far parte della nostra gallery utilizzate il nostro hashtag ufficiale e taggate le vostre foto. ⠀ 📝

 Instagram Image by ITALIA 🇮🇹 (@ig_italia) with caption : "📷 @explorerssaurus_
📍#Roma
⠀
Tutti coloro che sono stati a visitare Roma andando a vedere la Fontana di Trevi non posson" at Rome, Italy - 1895149603538320047
Rome, Italy Report Share Download 94 17.19K

📷 @explorerssaurus_ 📍 ⠀ Tutti coloro che sono stati a visitare Roma andando a vedere la Fontana di Trevi non possono non aver tirato la moneta per esprimere un desiderio, ebbene questo rituale s’ispira al film “Tre soldi nella fontana di Trevi” dove si diceva che occorreva gettare tre monete nella fontana: la prima garantirà il ritorno a Roma, la seconda porterà una nuova storia d’amore, mentre la terza porterà al matrimonio. Non è però certamente l’unica leggenda. Si narra che il vaso raffigurato sul muro che circonda la fontana all’angolo con via della Stamperia non sia stato scolpito per caso da Nicolò Salvi, pare difatti che l’architetto non andasse d’accordo con un barbiere che lavorava lì accanto e che criticava continuamente il suo lavoro, così Salvi gli piazzò davanti questo vaso di modo che gli fosse preclusa la visuale dei lavori. Inoltre sapete perchè lo stemma Papale reca raffigurate una banda orizzontale e delle bande oblique? Perchè chiaramente i colori non potevano essere scolpiti così allo scultore venne in mente di rappresentare i colori con delle bande: obliquo rosse ed orizzontale blu. ⠀ 👍 Segui tutte le storie nella nostra pagina Facebook 📝

 Instagram Image by ITALIA 🇮🇹 (@ig_italia) with caption : "📷 @mattia_rizzi_photo
📍 #Canazei
⠀
È senza dubbio uno dei “paesi gioiello” della provincia di Trento, situato in una mag" at Canazei - 1895106110459690690
Canazei Report Share Download 100 19.44K

📷 @mattia_rizzi_photo 📍 ⠀ È senza dubbio uno dei “paesi gioiello” della provincia di Trento, situato in una magnifica conca verdeggiante all’estremità settentrionale della Val di Fassa. Con i suoi 1.465 metri di altezza sul livello del mare rientra tra i trenta comuni italiani più “alti”, posizionandosi invece al primo posto tra i paesi della valle. L’ubicazione felice, la storia e la lunga tradizione in materia di ospitalità la collocano tra le più note località dolomitiche. È considerata la capitale degli sport sulla neve in Val di Fassa, grazie soprattutto alla sua posizione strategica che la vede circondata dalle vette dolomitiche del Sassolungo, del Gruppo del Sella e della Marmolada che fa parte del Patrimonio dell’Umanità UNESCO. Fa parte, assieme a altri 18 comuni, di un'area molto particolare: la Ladinia dolomitica dove vive la minoranza di lingua ladina. A Canazei infatti, come nel resto della Val di Fassa e delle zone attorno al massiccio del Sella, si parla ladino. Il turista che arriva non può non accorgersi della peculiarità della parlata e della cultura. Tracce infatti della sua esclusività e della sua storia antica si possono notare sin da subito sia nell’architettura sia ascoltando le conversazioni della gente del posto, o meglio ancora prendendo parte alla vita di paese e alle sue feste popolari. ⠀ 👍 Segui tutte le storie nella nostra pagina Facebook 📝